Emergenza rifiuti: i Sindaci chiedono di uscire dall’ATO provinciale

Stampa

G.M. Orlando Sindaco S.Agnello

Continua e si fa pressante l’iniziativa congiunta dei Sindaci della Penisola Sorrentina sui temi di maggior interesse sovraccomunale. All’indomani dell’accordo raggiunto per la realizzazione dell’Ospedale unico della Penisola Sorrentina, il coordinamento dei Sindaci ha raggiunto un importante accordo col quale si chiede alla Provincia di Napoli e al capo del Governo di escludere la Penisola Sorrentina dall’ATO provinciale e realizzarne uno specifico di livello territoriale. Portavoce a nome del coordinamento peninsulare dei sindaci sull’argomento è il primo cittadino di Sant’Agnello, l’ing Gianmichele Orlando che ha reso pubblica le decisione assunta insieme ai colleghi e formalizzata con due note ufficiali trasmesse al Presidente della Provincia di Napoli e al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, a quello dell’Interno Roberto Maroni e a quello dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo. “Chiediamo di costituirci come ambito territoriale autonomo rispetto a quello provinciale di Napoli – spiega Orlando – sulla scorta del lavoro che abbiamo sin qui svolto con la raccolta differenziata e la gestione del servizio di cui possiamo vantare un indiscusso primato e perche abbiamo una realtà e interessi specifici per i quali essere inclusi in un ATO provinciale significa subire danni pesantissimi e irreversibili da una gestione così articolata e complessa sul piano provinciale. Siamo convinti come sindaci che in questo settore la nostra autodeterminazione e la nostra provata ottimale gestione del servizio costituiscano la migliore garanzia per realizzare un ATO territoriale e garantirci funzionalità, efficienza senza dover subire anche le pesanti conseguenze in termini di immagine e di inefficienza sul piano turistico con pesanti danni per la nostra principale economia”. Al Governo e ai Ministri è stato pertanto richiesto di modificare il decreto istitutivo dell’ATO provinciale con lo scorporo della Penisola Sorrentina e la facoltà di costituirsi autonomamente.

                                                        ALL’ ON. LUIGI CESARO  PRESIDENTE DELLA PROVINCIA  DI  NAPOLI

                                                         Spett.le  S.A.P.N.A.  SPA

                                                                                                              S.E. Pref. Corrado CATENACCI

                                                                                                              P.zza Matteotti 1

                                                                                                              80133 – NAPOLI

                                                                    OGGETTO : Servizio rifiuti urbani-D.L. 195/09.

I sottoscritti Sindaci dei Comuni di Sorrento, Vico Equense,  Massalubrense, Sorrento, Piano di Sorrento, Sant’Agnello e Meta, costituenti il territorio della Penisola Sorrentina:

                                                                                              PREMESSO

che  già nel Novembre del 2008, in riferimento a quanto contenuto nelle Linee programmatiche 2008-2013 della Regione Campania per la gestione dei rifiuti urbani, i sottoscritti ebbero ad avanzare alle SS.LL. la richiesta che  fosse prevista la costituzione di un soggetto gestore unico per il servizio integrato dei rifiuti in Penisola Sorrentina;

che tale richiesta trovava ampia giustificazione in parametri e situazioni oggettive, quali:

la densità abitativa  del complessivo ambito provinciale che certamente richiede, per il raggiungimento di sufficienti standard qualitativi di servizio, un’articolata e decentrata organizzazione;

 La peculiarità, sotto il profilo urbanistico ed economico, della Penisola Sorrentina che si caratterizza, per valore paesaggistico ed economia turistica, territorio di eccellenza su scala nazionale ed internazionale;

Gli eccezionali risultati conseguiti dai ns. Comuni nel servizio della raccolta differenziata, risultati testimoniati anche dai riconoscimenti ottenuti in molteplici sedi tecniche ed istituzionali;    

RILEVATO

Che il recente D.L. 195/09 all’art. 11 c.1 prevede che il servizio di gestione integrata dei rifiuti possa “ organizzarsi anche per ambiti territoriali nel contesto provinciale……”;

                                                                                              CHIEDONO

Che, per quanto sopra esposto ed evidenziato, ed al fine di consentire di non disperdere, ma di mantenere e migliorare gli alti livelli di qualità raggiunti nel servizio rifiuti urbani,il territorio della Penisola Sorrentina venga costituito in ambito territoriale autonomo per la gestione del servizio integrato dei rifiuti urbani nell’ambito generale della Provincia di Napoli.

In attesa, si porgono i più distinti saluti.

IL SINDACO DI SORRENTO –  Avv. Giuseppe CUOMO

IL SINDACO DI VICO EQUENSE –  Sig. GENNARO CINQUE

IL SINDACO DI MASSALUBRENSE – Dr. LEONE GARGIULO

ILSINDACODIPIANODI SORRENTO-  Prof. GIOVANNI RUGGIERO

ILSINDACODI SANT’AGNELLO –  Ing. GIANMICHELE ORLANDO

IL SINDACO DI META –  Dr. PAOLO TRAPANI

Questa è la lettera inviata dai Sindaci al Presidente Berlusconi ed ai Minsitri competenti:

Al  Sig. Presidente del Consiglio dei Ministri On. Silvio Berlusconi

Al  Sig. Ministro dell’Interno

On.le Roberto Maroni

Al  Sig. Ministro dell’Economia e delle Finanze

On.le Giulio Tremonti

Alla Sig.ra Ministro dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare

On.le Stefania Prestigiacomo

 

I sottoscritti Sindaci dei Comuni di Sorrento, Vico Equense, Massalubrense, Piano di Sorrento, Sant’Agnello e Meta, costituenti il territorio della Penisola Sorrentina

TENUTO CONTO

della peculiarità, sotto il profilo urbanistico ed economico, della Penisola Sorrentina che si caratterizza, per valore paesaggistico ed economia turistica, territorio di eccellenza su scala nazionale ed internazionale

degli eccezionali risultati conseguiti dai ns. Comuni nel servizio della raccolta differenziata, risultati testimoniati anche dai riconoscimenti ottenuti in molteplici sedi tecniche ed istituzionali

degli sforzi continui nell’igiene e nel decoro urbano portati avanti in sinergia con le popolazioni che hanno contraddistinto i nostri territori anche in occasione dei recenti episodi emergenziali 

RILEVATO che il recente D.L. 195/09 convertito in legge 26 del 26 febbraio 2010 all’art. 11 c.2 prevede che le amministrazioni provinciali subentrano nei contratti in corso per le attività di raccolta,  trasporto, trattamento e smaltimento ovvero di recupero dei rifiuti

CONSIDERATO che una buona attività di raccolta, spazzamento e trasporto dei rifiuti e di smaltimento e recupero inerenti alla raccolta differenziata non può prescindere dalle peculiarità di ogni singola zona omogenea e non può essere pertanto garantita da una gestione su larga scala dell’igiene urbana

CHIEDONO che, per quanto sopra esposto ed evidenziato  ed al fine di consentire di non disperdere, ma di mantenere e migliorare gli alti livelli di qualità raggiunti nel servizio rifiuti urbani, in sede di conversione del D.L. n. 196 del 26 novembre 2010 venga apportata la seguente modifica al testo del d.l. 195 del 30 dicembre 2009 convertito con la legge n. 26 del 26 febbraio 2010:

all’art. 11 comma 2-bis vengano aggiunte le seguenti parole: “e della penisola sorrentina.”

In attesa, si porgono i più distinti saluti.

 IL SINDACO DI SORRENTO – Avv. GIUSEPPE CUOMO

IL SINDACO DI VICO EQUENSE – Sig. GENNARO CINQUE

IL SINDACO DI MASSALUBRENSE – Dr. LEONE GARGIULO

IL SINDACO DI PIANO DI SORRENTO – Prof. GIOVANNI RUGGIERO

IL SINDACO DI SANT’AGNELLO – Ing. GIAN MICHELE ORLANDO

IL SINDACO DI META – Dr. PAOLO TRAPANI