Sulla Finanziaria il Sen. Lauro attacca Tremonti

Stampa

Sen. Raffaele Lauro (PdL)

ROMA  – Prossima alla discussione la Legge di stabilità 2011, alias legge finanziaria, fa registrare un’autorevole e formale presa di posizione da parte del Sen. Raffaele Lauro (PDL) che annuncia che non voterà l’emendamento che prevede l’ampliamento dei giochi e delle scommesse al solo fine di fare cassa perchè rischia di diventare criminogeno e di devastare ulteriormente i bilancio delle famiglie italiane già esausti. Parlando a Sorrento, il sen. Raffaele Lauro (PdL), membro della Commissione Antimafia e componente del comitato antiriciclaggio, ha attaccato duramente l’emendamento, presentato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze alla Camera dei Deputati, finalizzato all’ampliamento dei giochi e delle scommesse, al solo fine di fare cassa. “Gli allarmi, ripetutamente da me lanciati – ha dichiarato il senatore Lauro – con documenti presentati alla Commissione Antimafia e con atti di sindacato parlamentare, sulla continuità e sulla contiguità tra gioco d’azzardo, cosiddetto legale, e gioco d’azzardo illegale, nelle mani della criminalità comune ed organizzata, con controllo capillare sul territorio nazionale, non sembrano essere stati raccolti. L’Italia è diventata il paese di bengodi dei giochi e delle scommesse e i bilanci delle famiglie italiane, già esausti per la crisi economica, saranno, in tal modo, ulteriormente devastati dall’illusorio miraggio del gioco e, nel contempo, la ludopatia, già gravissima, diventerà presto una questione sanitaria nazionale. Da una lato, le entrate dello Stato, dall’altro, i costi sociali, il saldo, alla lunga, sarà negativo. L’emendamento in questione – ha aggiunto il parlamentare PdL –pur introducendo qualche novità apprezzabile in materia di trasparenza nei procedimenti amministrativi, prevede tuttavia un regime sanzionatorio assolutamente inefficace e quasi ridicolo. Se un esercente, ad esempio, consente a dei minori di giocare d’azzardo, viene punito con la somma di 500 euro e non con la revoca immediata della licenza. Bisogna monitorare tutte le società concessionarie di giochi, anche quelle operanti in Italia e che trasferiscono le scommesse all’estero; prevedere, da subito, l’obbligatorietà, per ogni tipo di autorizzazione, della licenza, prevista dall’art. 88 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, opportunamente modificato con nuovi requisiti resi ancora più stringenti da misure antimafia; verificare, alla luce di questi requisiti, tutte le autorizzazioni già concesse; applicare la revoca delle autorizzazioni alla prima infrazione e organizzare un sistema efficace di controlli, affidato esclusivamente alla Guardia di Finanza e non all’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato. Se l’emendamento dovesse arrivare al Senato, nell’attuale formulazione – ha concluso Lauro – senza queste misure minime di prevenzione e di controllo,  magari infarcito da qualche oscuro subemendamento, infilato dalle lobby del gioco, che militano ovunque, ne chiederò la soppressione o voterò contro.”