Il sindaco Bobbio e le cosce delle donne stabiesi…

Stampa

Luigi Bobbio, sindaco di Castellammare

Mentre due città e due sindaci vesuviani – Terzigno e Boscoreale – da settimane sono letterlamente in guerra a fianco delle loro popolazioni in quella che è una vera e propria sommossa popolare contro la costruzione di una seconda discarica nel Parco del Vesuvio, che fa il loro collega di Castellammare di Stabia? Emana un’ordinanza con la quale fa divieto alle donne, alle ragazze di indossare minigonne, jeans a vita bassa e altre amenità in nome della tutela del decoro pubblico…. L’ex senatore oggi sindaco si conquista così 2 minuti sul TG1 nazionale dell’altra sera, mallevadore l’ameno Minzolini, gettando ai porci la tensione e la lotta dei suoi colleghi sindaci e dimostrandosi del tutto inadeguato a essere primo cittadino di una città altretanto di frontiera…evidentemente avendo altro cui pensare. Forse che il sindaco della città delle terme è turbato, mentre si reca in Municipio, da qualche minigonna o scollatura generose? Ma come è possibile che in quella che potrebbe essere una delle più belle città del Mezzogiorno e che invece è terra di camorra e di malaffare colluse con la politica, un sindaco trovi il tempo di lanciare un’iniziativa così becera, meritevole soltanto di ricevere un tapiro da Striscia la Notizia? Questa è la prova che Stabia nulla di buono può attendersi da questa Amministrazione che, con i problemi che ha, sembra essere in tutt’altre faccende affaccendata…Poveri operai della Fincantieri: ma che cosa vi aspettate?