Domenica i festeggiamenti per i 50 anni di sacerdozio di don Persico

Stampa

Don Antonino Persico con Papa Giovanni Paolo II

SORRENTO – Un primato difficilmente eguagliabile quello di Don Antonino Persico che da 50 anni regge la parrocchia del Capo di Sorrento. Domenica i festeggiamenti nella Parrocchia del Santo Rosario, alle 18, con una messa presieduta dall’Arcivescovo della diocesi di Sorrento-Castellammare di Stabia, Felice Cece e d alla quale parteciperanno i sacerdoti della zona. Per ricordare l’evento l’avv.  Nino Cuomo, in collaborazione con Massimiliano D’Esposito, ha curato la pubblicazione di un volume dal titolo ”Il Capo di Sorrento – giubileo pastorale di don Antonino Persico”, nel quale sono raccolte una serie di testimonianze  di quanti, i nquesti 50 anni, hanno avuti rapporti con don Persico. Tra questi il senatore Raffaele Lauro, il vescovo di Teano-Calvi, Mons. Arturo Aiello, il magistrato consigliere di Cassazione, Giovanni Giacalone e il redattore capo de ”Il Mattino”, Antonino Pane.  Don Persico fu ordinato sacerdote il 14 luglio del 1957 e il 29 settembre del 1960 è stato designato dall’allora arcivescovo di Sorrento, Mons. Carlo Serena, quale pastore della chiesa del Rosario del Capo di Sorrento. Da allora è sempre rimasto al servizio della piccola comunità. Don Antonino Persico, 78 anni, è stato vice preside e professore di Religione all’Itc San Paolo di Sorrento e vicario generale del vescovo Raffaele Pellecchia. Laureato in Utroque Iure, è giudice del tribunale della Sacra Rota di Napoli. Ha anche il merito della realizzazione del moderno complesso parrocchiale che sorge lungo la strada che conduce ai Bagni della Regina Giovanna.